DPSN

DPSN

Write on Sabato, 07 Aprile 2018 Pubblicato in Quartiere

Le reti rappresentano uno strumento giuridico - economico di cooperazione fra imprese che, attraverso la sottoscrizione di un contratto, detto appunto “Contratto di rete” si impegnano reciprocamente, in attuazione di un programma comune, a collaborare in forme ed ambiti attinenti alle proprie attività, scambiando informazioni e/o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica e/o realizzando in comune determinate attività attinenti l’oggetto di ciascuna impresa. Lo scopo della rete si identifica nell’obiettivo di accrescere, individualmente e collettivamente, la capacità innovativa e la competitività sul mercato delle imprese partecipanti, quale ragione d’essere dell’aggregazione, nelle forme e nelle modalità definite dalle imprese stesse all’interno del contratto.

L’introduzione del Contratto di rete - quale forma di aggregazione per ottimizzare le risorse e quale strumento di realizzazione di obiettivi strategici - nasce dall’esigenza di stare al passo con un mercato globalizzato e, in conseguenza, di competere su qualità ed innovazione, utilizzando (o facendo leva sul) l’introduzione delle tecnologie orizzontali e la condivisione di conoscenze e risorse.

In tutto questo nasce la Rete di Imprese del Pigneto che partecipa ad un bando Regionale per ottenere un contributo pubblico per la realizzazione di un progetto di sviluppo di questa Rete e risulta, alla fine, assegnatario del contributo.

Il Progetto di massima nasce al fine di valorizzare il quartiere Pigneto e le sue attività, coinvolgendo sia i cittadini che i turisti. In questo abbiamo individuato una serie di piattaforme e tecnologie che, correttamente integrate, permetteranno una piccola grande rivoluzione della fruizione del territorio, in maniera quanto più efficace ed user friendly possibile.

Questo progetto mira a creare la rete tra le attività del territorio e dare più servizi sia a chi vive nel quartiere sia a chi ci arriva per altre motivazioni. La visione di questo progetto parte dagli abitanti del quartiere ed a cui sta più a cuore che si sono impegnati per contribuire in maniera sostanziale al benessere del quartiere in cui vivono. In questo benessere, però, non hanno solo pensato a chi lo vive ma anche a chi vogliono che venga a visitarlo. Tutti servizi per valorizzare chi ci vive in sintonia con chi arriva in visita              

Michael è in Italia, a Roma per la prima volta e, dato che innumerevoli persone gli hanno consigliato il quartiere Pigneto, decide di dedicare una giornata alla sua visita. Una volta arrivato lì, vorrebbe scegliere dove poter mangiare qualcosa, ovviamente tramite il suo smartphone.

Trovandosi all'estero ha la necessità di una connessione, per questo inizia a guardarsi attorno in cerca di una wi – fi disponibile. Fortunatamente ci sono in giro alcuni segnali che ne indicano il nome: "Pigneto Free Wifi" e può così collegarsi.

Al primo accesso gli viene chiesto di registrarsi: pochi dati tra cui il suo numero di cellulare, rapidamente si trova in una pagina con tutte le informazioni principali, quali "Scopri il quartiere", "Pigneto Eventi", "I negozi", "La street Art", "Il bikeSharing", "Dove mangiare". Per fortuna è tutto nella sua lingua d'origine.  Ma la cosa che attira di più la sua attenzione è il banner in alto: "Scarica l'app e ottieni subito 10 minuti di bike sharing gratis + fantastici sconti in tutti i locali dove bere e mangiare! "Ottimo!"  pensa, e così con soli due click l'app è già sul suo smartphone. Nella home dell'applicazione ritrova le stesse sezioni che aveva visto prima, ma    in più in alto una fantastica mappa piena di icone colorate. Decide di partire da lì e cliccandoci sopra, si apre a schermo intero la mappa geolocalizzata esattamente sulla sua posizione. Locali, bar, tabaccai, calzolai, murales...tutto adesso è più chiaro e può ottenere le informazioni di cui ha bisogno con pochi click.

Decide di andare a mangiare. Mentre mangia si fa un’idea di cosa vedere nel quartiere scegliendo tra i vari percorsi suggeriti. Sceglie il percorso Street art, una sua grande passione!

Attraverso una mappa può vedere dove sono localizzati ed inoltre può scoprire tante informazioni sull'opera e sull'artista che l'ha realizzata. Non vede l'ora di iniziare, quindi finito il panino si appresta alla cassa per pagare. L'esercente registra il suo pagamento e dopo pochi secondi Michael riceve una notifica: "Ciao hai appena provato uno dei nostri locali e per questo ti sono stati accreditati 30 punti. Scopri come accumularne di più e che premi puoi ottenere".

Write on Sabato, 31 Marzo 2018 Pubblicato in DerPignetoSemoNoi.it-Sito Ufficiale del Gruppo Giovanile Pigneto

Naturalmente gli auguri sono anche per... pasquetta.

Write on Sabato, 20 Gennaio 2018 Pubblicato in DerPignetoSemoNoi.it-Sito Ufficiale del Gruppo Giovanile Pigneto
Ogni fine è solo un nuovo inizio.

Vedrete che il 2018 sarà un anno ricco
di soddisfazioni per voi e le vostre famiglie.
Con coraggio, fiducia ed impegno, otterrete tutto quello che desidererete.
Tanti auguri di Capodanno 2018

Write on Sabato, 20 Gennaio 2018 Pubblicato in banner
Write on Sabato, 13 Maggio 2017 Pubblicato in DerPignetoSemoNoi.it-Sito Ufficiale del Gruppo Giovanile Pigneto
BERGAMO-BOCCUZZI-BRUNETTI, ALTRO PASSO CONTRO IL SOCIALE CHE NON E' DA... CENTRO SOCIALE
 
CINEMA DI PRIMA VISIONE A PREZZI POPOLARI
 
Il cinema di prima visione al centro di tutto il resto (film di qualità, arti visive, rassegne cinematografiche, film stranieri etc).

Il cinema era stato strutturato in questa maniere: sala grande per film di prima visione (commerciali), le altre sale invece dedicate al resto della programmazione e nel periodo di maggior uscita di film di prima visione (commerciali) una delle due sale doveva andare in appoggio a quella grande.

2 o 3 volte l’anno per la solidarietà e beneficenza a centri o strutture bisognose.
TUTTO QUESTO NEL BANDO NON C’E’ MA IL… CONTRARIO SI...
 
Queste poche righe riassumono quello che per noi ha rappresentato la lotta per la riapertura del Cinema Aquila. Volevamo fortemente che il cinema riaprisse perché sarebbe stato un volano per tutto il quartiere… come ad esempio famiglie che non dovevano spostarsi per andare al cinema e quindi avrebbero riscoperto il quartiere. Film di animazione, film panettone, film in 3D… insomma come lo era poco tempo fa.
 
 
Avevamo il timore che il cinema potesse diventare una sorta di centro sociale, un cinema per pochi ma fortunatamente, fino a che il cinema non è stato chiuso, la vecchia amministrazione Municipale aveva sempre scongiurato tutto ciò, certo non è che quest’ultimi non hanno mai fatto errori ma non si può dire che non siano stati democratici e solidali con tutti i cittadini anzi… con qualcuno forse anche troppo.
 
 
Oggi siamo qui per dire, dopo aver letto il nuovo bando, che il cinema è stato perso dal quartiere, sta per diventare un cinema per pochi e tutto questo grazie a chi oggi guida il Municipio la sua Giunta e all’Assessore alla Cultura del Comune di Roma Luca Bergamo (a quest’ultimo vogliamo immaginare che non gliel’hanno raccontata tutta, come sicuramente non lo hanno fatto con l’Assessore Frongia in riguardo al campo nei giardini davanti alla scuola A. Manzi ex E. Toti, ma questa del campo è un’altra vergognosa situazione e ne parleremo a parte) a favore di quelli che nel tempo ci hanno provato a più riprese ed oggi molti di quelli sono raggruppati sotto la sigla SCCA.
Detto questo verremmo dire un’altra cosa che ci sta a cuore ponendo un punto di domanda alla fine e cioè …
 

TUTTI GLI EX LAVORATORI DEL NUOVO CINEMA AQUILA CHE FINE FARANNO?

 

Questo bando conferma quello che avevamo già asserito e scritto poco tempo fa e cioè che chi si è presentato in nome della legalità e democrazia a guidare il nostro Municipio e la sua Giunta è contro quel sociale che non sia da… CENTRO SOCIALE.

 

Residenti Storici Pigneto