"DAVANTI AL CAMPO NON CI ABITIAMO NOI QUINDI... CHE CE FREGA": questo è il pensiero dell'Associazione (Comitato) Genitori della scuola Toti.

Scritto da Data Domenica, 01 Marzo 2020 Pubblicato in Quartiere Letto 582 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo aver letto questo articolo, che potrete leggere cliccando QUI, non sappiamo cosa pensare, ossia, sappiamo cosa pensare ma non sappiamo se definirlo ipocrita o falso e dopo averci pensato un pochino siamo arrivati alla conclusione, come altre volte del resto, che sia IPOCRITA e allo stesso tempo FALSO.

Il campo tutti sanno da chi era gestito prima dei lavori e tutti sapevano a chi doveva tornare dopo i lavori, quindi il campo non era stato abbandonato.

Il campo doveva rimanere chiuso fino a quando il municipio non avrebbe preso una decisione in merito, ma incalzati da questi individui, che si firmano associazione genitori scuola Toti, per far sì che il campo non tornasse all’ASC PIGNETO TEAM. Chissà poi per quale arcano motivo?

Hanno sempre affermato che il campo è stato forzato e aperto da bambini/bambine e ragazzi/ragazze invece di dire che sono stati loro stessi (gli adulti), ma non ne hanno avuto le p…! E per giunta alcune di quelle persone oggi si aggirano dalle parti dell’ASC Pigneto Team.

Oggi dicono che i bambini/bambine ragazzi/ragazze sono rientrati perché hanno trovato dei varchi (aperti precedentemente dagli adulti) e pannelli che sono stati montati male (pannelli che non erano montati male ma danneggiati dagli stessi adulti).

Tornando alle affermazioni della Presidente della AGST ce n’è una però che ci diverte ed è quella che il campo vorrebbero farlo diventare un playground, ma vi diamo una notizia: è già un PLAYGROUND (voluto ed ottenuto da noi 1999) e l’Assessore del nostro Municipio Dario Pulcino lo sa benissimo, a meno che non abbia studiato oppure stia facendo il” vago” per poi prendersi un merito che non ha… noi pensiamo che sia più per la seconda.

La presidente dell’AGST si è dimenticata di dire pero dei danneggiamenti che il campo ha subito da quando poco più di due e anni fa l’ASC PIGNETO TEAM (attualmente annichilita da chi oggi li sta tenendo sotto scacco e alcuni sono quelli citati in questo articolo) ha lasciato volontariamente la custodia del campo, dopo essere stati trattati come cittadini di serie B, dopo aver gestito senza prendere nessun vantaggio economico ed altro dal 1999, ai vincitori del partito M5S, a quest’ultimi e in particolare al neo Presidente G. Boccuzzi e dell’Assessore alle Politiche Culturali, Sportive e Giovanili M.T. Brunetti. Inoltre l’Assessore Brunetti aveva giurato e scritto ad un cittadino del Pigneto tramite FB che il campo sarebbe stato chiuso fino a quando non sarebbe stata presa una decisione.

Tornando ai danni subiti dal campo, di cui avevamo già segnalato in precedenza in questo articolo (per leggerlo basta un clic QUI), sono lì visibili a tutti: panchine distrutte, reti porte rotte, recinzioni rotte etc.

Il presidente dell’AGST si è dimenticata di dire che il campo viene usato anche per l’addestramento di cani e come pista ciclabile senza poi contare tutto il resto. 

In conclusione se i cittadini che vivono davanti al campo hanno problemi di schiamazzi notturni secondo voi di chi è la responsabilità?

Prima con il campo in uso e costudia all'ASC PIGNETO TEAM tutto questo non accadeva tutti rispettavano... tutti,  e oggi la struttura sarebbe ancora sana e tutti ma, proprio tutti ne avrebbero usufruito in modo libero nel segno dello sport che avvicina e non che allontana, che fa integrazione  e non disgregazione e tutto questo senza distinzione di razza, colore e religione.