DPSN

DPSN

Write on Sabato, 31 Dicembre 2016 Pubblicato in Quartiere
...punto di partenza avendo come caratteristica principale film di prima visione perché si riteneva ingiusto che una famiglia dovesse uscire dal quartiere per vedere un film, evitando così ulteriori disagi sia in spostamenti sia economici.
 

Le nostre richieste, come allora, non sono cambiate, vogliamo che nel bando sia specificato chiaramente che:

1) Il cinema sia prevalentemente di prima visione (commerciale) a prezzi popolari.
2) La sala grande sia adibita solo ed esclusivamente a proiezioni di prima visione e nel periodo di maggior uscita, una delle sale piccole, vada a supporto di quella grande.
3) 2 o 3 volte l’anno l’incasso giornaliero sia devoluto in beneficenza a strutture bisognose.
4) La riassunzione di TUTTI gli ex dipendenti.
5) L’esclusione dal bando delle persone che hanno mal gestito sia il cinema sia i dipendenti (ad oggi alcuni di questi stanno aspettando diversi stipendi arretrati).

Abbiamo notato, con rammarico e rabbia, che c’è una grossa tendenza ad escluderci perché contrari ad una riapertura temporanea del cinema fino al bando, sono invece a favore tutti i soggetti “ignoti” al quartiere che stanno ruotando intorno alla faccenda perché hanno più “interessi economici” che altro.

A noi interessa che il cinema venga riaperto e che TUTTI gli ex dipendenti possano tornare al proprio posto. A noi NON interessa prendere la gestione del cinema, non lo abbiamo voluto in passato e non lo vogliamo oggi: non abbiamo mai voluto creare una cooperativa come ci avevano proposto dal CdQ (questo è il vero loro fine), quando è iniziata la lotta per la riapertura del Nuovo Cinema Aquila (ebbene SI… all’inizio c’erano anche loro ma scoperta la loro ambiguità abbiamo continuato per conto nostro fino alla riapertura) perché abbiamo sempre ritenuto che chiunque fosse stato a gestirlo dovesse avere esperienza nel settore.

La riapertura del NUOVO CINEMA AQUILA è stata per merito nostro e oggi siamo costretti a RIVENDICARLO visto che c’è chi va a dire in giro il contrario prendendosi dei meriti che non hanno E DOMANI ANCHE IL CINEMA. Al nostro fianco in questa lotta, alla luce del giorno, l’allora Sindaco di Roma Walter Veltroni, il Senatore Antonello Falomi e gli ex Presidenti del Municipio V (ex VI) Enzo Puro e Giammarco Palmieri. Invece… c’è chi è stato, insieme al CdQ, sotto traccia fino a quando l’ex Sindaco Veltroni non gli ha detto di rimettere la testa fuori, Luigi Nieri: lo ricordate? E’ colui che da vice-Sindaco di Roma della Giunta Marino a via Pesaro davanti a tutti diceva di non sapere che al Pigneto c’era lo spaccio e tanta micro-criminalità, lui che è amico intimo di chi oggi dice che noi non abbiamo capito che il vento è cambiato (infatti questo suo amico, compreso il CdQ, fino ad una settimana prima delle elezioni appoggiava il partito di Rif. Com., due giorni prima la Sin. Ita.-SEL e oggi il M5S) …. Lui che il Pigneto lo conosce bene faceva finta di non sapere.

Quest’ultimo ha provato più di una volta far mettere le mani sul Nuovo Cinema Aquila a chi oggi ci sta riprovando tramite il Presidente Giovanni Boccuzzi, e a quanto pare hanno molte probabilità di riuscirci.

Su Romatoday in un articolo pubblicato il 23 dicembre 2016, viene data una versione strana sull’atteggiamento che avrebbe preso il Presidente Giovanni Boccuzzi che a quanto pare inizialmente interagiva con questo “gruppo” (da cui il cinema ne prenderà anche il nome… NUOVO “CENTRO SOCIALE” CINEMA AQUILA) e che poi ci sia stata una frenata da parte dello stesso per via di certe voci in riguardo a scarsa trasparenza: NON C’E’ STATA NESSUNA FRENATA E IL MUNICIPIO NON PROCEDE IN AUTONOMIA.


ECCO COME VORREBBERO FARLO DIVENTARE...

 

 
Si sta cercando di capire perché questa nuova amministrazione abbia questo comportamento ed abbiamo fatto più di una ipotesi e una di queste è… non sarà perché chi si è adoperato per la costruzione del campo, la sua gestione e la riapertura del cinema sono le persone sopra citate!? Naturalmente per persone sopra citate intendiamo quelle che si sono prodigate per la riapertura del 2008. Un’altra ipotesi che regge è: non sarà perché noi ci siamo sempre rapportati con quelle istituzioni?
Residenti Storici Pigneto
(ex Gruppo Govanile Pigneto)

Write on Venerdì, 30 Dicembre 2016 Pubblicato in Quartiere

Bott Pigneto Capodanno  2017  MenuTerra      Bott Pigneto Capodanno  2017  Menu Mare

Write on Sabato, 24 Dicembre 2016 Pubblicato in DerPignetoSemoNoi.it-Sito Ufficiale del Gruppo Giovanile Pigneto

BUON NATALE 2016

Write on Sabato, 17 Dicembre 2016 Pubblicato in Articoli

 

Come al solito siamo stati degli stupidi, per non scrivere altro ma in fondo… felici di esserlo, perché non saltiamo da carro in carro a seconda di chi sono i vincitori ma, soprattutto non abbiamo leccato il c… a nessuno.

   Abbiamo aspettato il vincitore, chiunque questo fosse stato, per poterci relazionare in modo CIVILE E COSTRUTTIVO per cercare di poter portare avanti con trasparenza il lavoro fin qui svolto sia per il Nuovo Cinema Aquila (11 anni e mezzo di lotta, guarda i video: parte I, parte II e parte III) e per l’ASC Pigneto Team (da 17 anni) dal 1996 ad oggi.

   Oramai è palese, questa amministrazione è contro il sociale, contro quel sociale che non sia ne del CdQ, che in realtà non lo ha mai fatto, ne del centro sociale ex snia-viscosa e ne di pseudo Radical Chic, quest’ultimi non sanno nemmeno cosa sia il sociale.
Chi guidava prima il Municipio aveva iniziato a distruggere tutto quello che di buono era stato fatto dai loro predecessori, chi guida oggi il Municipio sta cercando in tutti i modi di “completare l’opera”.

 

   Lo stanno facendo con il Nuovo Cinema Aquila ed ora con il nuovo campo sportivo all’interno dei giardini davanti alla scuola “E.Toti”, che doveva tornare all’Associazione Sportiva Culturale Pigneto Team.

   Tutto questo a favore di certi loschi personaggi che lo stanno facendo più per motivi personali che altro: personaggi che hanno lavorato e lavorano sotto traccia, anzi, sotto terra come i vermi… si nascondo e ti colpiscono all’improvviso in nome della libertà e democrazia oppure con grida del tipo LEGALITA’ ma noi ci domandiamo… di quale legalità parlano?!

   Da qualche anno stanno in tutti i modi cercando di colpire noi (Residenti Storici Pigneto ex GGP) e l’ASCPT, prima con la complicità di alcuni della passata Giunta ora con quella nuova.

   Ci hanno provato con la buffonata nel 2008, dandosi la zappa sui i piedi da soli, ci stanno riprovando oggi e pian piano ci stanno riuscendo visto che hanno trovato il loro “pollo” che li sta aiutando in tutti i modi, fino ad ora fortunatamente non riuscendoci con la speranza che il “pollo” un giorno apra gli occhi si trasformi in... GALLO a meno che…!

Questi attacchi infami non vengono solo da persone che con il quartiere non hanno mai avuto a che fare, da chi nel quartiere ci è venuto a vivere per sbaglio o costretto dai prezzi esorbitanti di case in altri quartieri facendo alzare quelli poi del Pigneto stesso: hanno difeso scippatori e spacciatori ed attaccato noi additandoci come fascisti e razzisti ed oggi molti di questi hanno rivenduto le loro case e se ne sono andati lasciando i problemi a noi e lasciando qualcun altro che ancora sta facendo danni.

   Oggi questi personaggi gridano alla legalità, contro lo spaccio e contro a chi è venuto solo per fare reati e non per cercare una vita migliore: praticamente stanno facendo e dicendo quello che dicevamo noi qualche anno fa ma detto da noi non era vero detto da loro invece si … FALSI E IPOCRITI ecco cosa siete.

   Questi attacchi vengono anche da finti “amici”, pochissimi per fortuna ma dalla lingua biforcuta, nati e cresciuti in questo quartiere, abbiamo capito da molto il loro giochino… doppio, lo abbiamo capito tardi ma lo abbiamo capito. Tornando alla nuova Giunta abbiamo capito senza dubbi che... vedono in noi non dei cittadini che si sono impegnati negli anni per far migliorare il quartiere ma i… “nemici” da abbattere.

   Sono arrivati a cavallo suonando la tromba e gridando al cambiamento epocale ma facendo differenze tra cittadino e cittadino, tra chi il sociale lo fa da anni e chi lo fa da poco ma per noia o per interessi.
La cosa più “eclatante” è che il cavallo alla fine è servito come il suo predecessore più famoso, non stiamo parlando di “Furia il cavallo del West” ma quello di Troia, per colpire a tradimento un popolo… i cittadini.

Residenti Storici Pigneto

(ex Gruppo Giovanile Pigneto)

 

 

Write on Sabato, 14 Gennaio 2017 Pubblicato in banner

Aquila.2 DPSN